Gli italiani risparmiano, ma non si tutelano

Come è emerso dalle recenti indagini di Ania, gli italiani risultano essere un popolo di risparmiatori che però non si copre dai rischi.

Infatti, nonostante la leggera crescita dei premi vita nel 2018 rispetto all’anno precedente, l’Italia resta il Paese con meno assicurati rispetto a molti altri stati europei. Secondo Ania solo il 6% degli italiani è assicurato sulla premorienza, il 24% sugli infortuni, il 4% sulla malattia e un misero 0,5% per l’autosufficienza.

Idem per le polizze sulle abitazioni: nonostante una vasta area del territorio nazionale sia a rischio sismico o idrogeologico, appena il 2% delle case è coperto contro le grandi catastrofi e solo il 40% ha una copertura generica.

Questa “diffidenza” verso gli enti assicurativi può essere dovuta a un retaggio culturale. Nel nostro paese certi eventi come il decesso o la non autosufficienza vengono evitati, come fossero dei tabù. Anche il fattore fiscale, vista la limitata detraibilità di alcuni premi, e la presenza di esperienze negative come rimborsi negati a causa di cavilli, portano la popolazione a non tutelarsi a sufficienza.

Gli italiani tendono dunque a preferire il “fai da te”; in buona sostanza si autoassicurano per far fronte agli imprevisti: sono molte le famiglie che risparmiano con l’intento di fronteggiare possibili eventi negativi. Questo porta i risparmiatori italiani a detenere oggi ben 1.371 miliardi di euro nei conti correnti (fonte: Banca d’Italia). Non si incassano interessi, non si spende, non si investe in un’ottica efficiente di lungo periodo e purtroppo si evita la consulenza di un esperto, che li potrebbe indirizzare verso delle soluzioni più efficaci e sicure.

Il trend però sta fortunatamente iniziando a cambiare: la popolazione ascolta i media italiani, che riferiscono un innegabile aumento della vita media che porta ad un aumento delle malattie; lo stato inoltre non offre garanzie, le compagnie assicurative sono sempre più vicine alla popolazione e stanno migliorando la loro comunicazione per sensibilizzare ulteriormente gli attuali risparmiatori sui rischi e fargli conoscere al meglio le loro soluzioni.

Multilife è un intermediario assicurativo che, fin dalla sua fondazione nel 2002, si occupa di consulenza per privati, famiglie ed aziende, disponendo di un importante know how che mette a disposizione dei suoi clienti. I suoi punti di forza sono la protezione del patrimonio e la pianificazione degli investimenti.

Fonte: il Sole 24 ore

Per ulteriori informazioni siamo a disposizione!

Contattaci per qualsiasi approfondimento sulle nostre polizze vita.

8 + 0 = ?